Collutorio naturale

Se ti fa piacere concludere la tua igiene orale quotidiana sciacquando la bocca con un collutorio, ti suggerisco di comprare della Tintura madre di Calendula Officinalis e di usarne 10 gocce in due dita d’acqua.

Puoi usarla regolarmente e ti costa meno di un collutorio da farmacia.

Inoltre è utile per gargarismi, pulizia e disinfezione di escoriazioni della pelle e punture di insetti e anche in caso di aftosi e irritazioni della mucosa.

 

Bruxismo nei bimbi

Se il tuo bambino già dai 2, 3 o 4 anni fa rumore con i denti durante il sonno al punto da sentirlo nel silenzio della notte, vuol dire che bruxa molto attivamente e questo comporta danni ai denti (da latte e non) che appaiono consumati, rimpiccioliti o accorciati.

Oltre ad essere spesso espressione di rilascio di tensioni emozionali (rabbia, gelosia, difficoltà a scuola, etc..), il bruxismo può segnalare un problema di verminosi.

La causa quindi non sta nei denti o nella occlusione anche se questi ne pagano sempre e comunque le conseguenze. È comunque possibile e facile predisporre una protezione per i denti.

 

Traumi ai denti

Se hai preso una botta ai denti davanti è sempre bene che tu faccia una visita dal dentista per escludere fratture delle radici o controllare la vitalità del nervo.

Subito dopo però pensa anche a fare una visita dall’osteopata perché l’impatto del trauma può causare un blocco della respirazione cranica (il naturale micromovimento che le ossa del cranio compiono le une rispetto le altre) che può avere effetti anche a distanza nel corpo e nel tempo.

 

Afte

Se soffri di aftosi ricorrenti, puoi trarre migliori benefici da una buona terapia omeopatica di terreno piuttosto che dall’uso reiterato di pomate antivirali.

Intanto che valuti un possibile cambio di approccio terapeutico, puoi usare sciacqui con Tintura Madre di Calendula Officinalis per accelerare la remissione dell’afta.

Acidosi

È ormai assodato che le malattie cronico degenerative nonché quelle tumorali sono favorite da una tendenza all’acidosi dell’organismo.

Anche la carie dentale e la formazione di tartaro sono favoriti da un ph acido dei fluidi (saliva).
Un metodo efficace per contrastare questa tendenza e per ridurre/eliminare i radicali liberi è bere acqua basica che si ottiene con uno ionizzatore.

Fistole alle gengive

Se hai un “brufolino” sulla gengiva vicino a un dente curato (da latte o permanente) o che ha subito un trauma, vuol dire che c’è un’infezione che sta spurgando.

Anche se non hai male, fatti controllare perché si tratta di una “spia” che ti avvisa di un problema a carico dell’osso che regge il dente. Spesso è possibile ottenere la guarigione già dopo la prima seduta!

 

Gengive dolenti e gonfie

Se hai una gengiva dolente e gonfia e/o un cattivo sapore in bocca, può essere l’inizio di un ascesso.

Fatti visitare quanto prima!

Nel frattempo non partire subito necessariamente con una terapia antibiotica: puoi tenere temporaneamente sotto controllo la situazione facendo sciacqui con acqua molto calda e ben salata….non è il massimo in termini di sapore ma funziona bene!!

Sharing is caring: consigli utili ultima modifica: 2016-06-21T11:38:47+00:00 da Claudia Bittante