Il piercing orale può provocare danni alle gengive

postato in: Blog, Odontoiatria in pillole | 0

Il piercing orale è un corpo estraneo presente in bocca che favorisce la colonizzazione della flora batterica. Il gioiello può provocare danni irreversibili come recessioni gengivali o piccole fratture dei margini dentali.

Qualsiasi corpo estraneo presente in bocca viene colonizzato da flora batterica e va dunque tenuto pulito esattamente come si fa con i denti. La forma del gioiello e delle clips rende però disagevole o impossibile tenere adeguatamente pulito e così questi diventano un punto di possibile infezione.

Il piercing orale può provocare danni irreversibili alle gengive e ai denti

Un problema riscontrato su chi ha un piercing orale è il piccolo ma continuo traumatismo su denti e gengive. Il gioiello, infatti, può provocare danni irreversibili come recessioni gengivali e piccole o grosse fratture dei denti.

Per tutte queste ragioni, è auspicabile che chi decida di ricorrere ad un piercing orale metta in conto sin dall’inizio i costi per rimediare ai danni che questo provocherà, sommandoli al prezzo richiesto dal tatuatore.

Fermo restando che è saggio non farsi un piercing orale, per chi ce l’ha già, è necessario sottoporsi a controlli regolari e fare una buona manutenzione.

Il piercing orale può provocare danni alle gengive ultima modifica: 2018-05-14T00:32:53+00:00 da Fabio Regina

Lascia un commento