Chi è causa del suo mal pianga se stesso

postato in: Blog, Occhio alla salute | 0

di M. Castagnola (Istituto stomatologico italiano)

[…] Non prendiamocela con Groupon, società di vendita e comunicazione che fa solo il suo mestiere.
[…] se nessuno di noi aderisse alle proposte di Groupon il problema non si porrebbe!

[…] L’interrogativo da porsi è : come mai alcuni colleghi accettano di svilire se stessi e la professione pure a fronte di guadagni risibili? Le risposte possono essere molte ma la più ricorrente è riempire la poltrona vuota lavorando sottocosto, sperando in una successiva metamorfosi del soggetto da cliente Groupon a paziente studio e affidando il processo a un preventivo benevolo che ingolosisca il malcapitato senza prendersi minimanete cura delle sue vere esigenze.

[…] Dal 2008 la crisi economica che tutt’oggi ci attanaglia ha precipitato gli eventi creando, anche nel nostro settore, recessione e paura.

La deregolamentazione cui si è arrivati con l’abolizione dei minimi ordinistici e l’ingresso delle società di capitale ha fatto il resto.

Attenzione, ho scritto deregolazione e non liberalizzazione. Se andiamo su Wikipedia, la più famosa encyclopedia del Web, possiamo leggere alla voce deregolazione la testuale affermazione: “La deregolazione è quel processo per cui i governi eliminano le restrizioni degli affari al fine di incoraggiare le efficienti operazioni del mercato. La base razionale è che un minor numero di regole porta a un maggior livello di concorrenza, maggior efficienza e, in generale, a prezzi più bassi. La deregolamentazione è differente dalla liberalizzazione perché un mercato liberalizzato , pur permettendo un qualsiasi numero di concorrenti, può essere regolato al fine di proteggere i diritti del consumatore”.

Estratto da: editoriale della rivista “Il dentista moderno” – Sett. 2011
Argomento: un mercato che sta cambiando – Groupon – prima visita.

Il vero dubbio a distanza di circa 10 anni è se davvero la deregolazione avvenuta nel settore odontoiatrico abbia prodotto oltre che un aumento della concorrenza e dell’offerta anche un reale abbassamento dei prezzi e una qualità migliore o almeno uguale delle cure.

Chi è causa del suo mal pianga se stesso ultima modifica: 2011-09-26T10:56:32+00:00 da Claudia Bittante